Artropatia Psoriasica


Artropatia Psoriasica


 

Egregio Dottore,

Sono suo paziente da circa un anno e, dopo aver saputo della sua intenzione di scrivere un libro sulla medicina naturale, avrei il piacere di raccontare la storia della mia patologia con i sintomi che avevo prima di fare le sue cure e i miglioramenti ottenuti dopo aver effettuato le terapie naturali.

Tutto ebbe inizio nel 2005 quando mi comparve un esteso arrossamento nella zona perianale e, dopo qualche tempo iniziai ad avere forti dolori articolari che mi causavano insonnia e una forte rigidità muscolare su tutto il corpo, rendendo difficile e doloroso ogni seppur piccolo movimento. Decisi dopo qualche mese di rivolgermi a un dermatologo e a un reumatologo. Entrambi, consultando le rispettive diagnosi, mi diagnosticarono la patologia di cui soffro: artropatia psoriasica (premetto che all’epoca non sapevo nulla a riguardo della psoriasi e dell’artrite psoriasica). Mi è stato spiegato che per questa malattia autoimmune non esiste ancora una cura definitiva, ma piuttosto ci sono vari farmaci che la possono tenere sotto controllo.

Così, iniziai ad assumere in dosi crescenti (per circa 5 anni) antinfiammatori con rispettivi protettori gastrici. Nel primo periodo ho avuto miglioramenti soprattutto alle articolazioni, però a distanza di un paio d’anni erano comparsi nuovi disturbi che interessavano l’apparato gastrointestinale e quello immunitario. Nel primo caso ogni anno che passava, diventavo intollerante a degli alimenti che tempo prima assumevo senza avere problemi di stomaco. Per quanto riguardava il sistema immunitario, costatavo che si indeboliva sempre di più: soffrivo continuamente di infiammazioni alle vie respiratorie, per le quali prendevo antibiotici, ma più ne assumevo più mi indebolivo. Ero entrato in un circolo vizioso dove più assumevo farmaci per stare meglio, più ero propenso ad ammalarmi. La goccia che fece traboccare il vaso è stata quando dopo un banale mal di gola mi comparve l’herpes Zoster o fuoco di Sant’Antonio. Per curare questa malattia, dovetti assumere una notevole quantità giornaliera di antibiotici e antivirali. Ero preoccupato perché non sapevo più cosa fare per guarire, non sapevo come uscirne: però da quel momento iniziò la risalita.

Grazie ad un’amica di famiglia ho incontrato lei, Dott. Torresin, dove già dalla prima visita all’iride ha riscontrato tutto quello che ho elencato prima. Quello che più mi colpì fu quando lei mi spiegò che si può guarire dalla psoriasi attraverso un percorso di terapie naturali e di disintossicazione dell’organismo, avendo costanza e determinazione insieme ad un’alimentazione sana e naturale. Grazie al test citotossico sono venuto a conoscenza di intolleranze che neanche sospettavo e mi creavano indirettamente problemi all’assimilazione di altri cibi e, grazie a questo test e alla idrocolonterapia, ho notato che è migliorata la mia digestione e che per quanto riguarda la pelle sono molto diminuiti gli arrossamenti e pruriti.

Una menzione la devo fare a riguardo dell’ossigeno-ozonoterapia perché da questa ho avuto subito notevoli benefici per quanto riguarda i dolori articolari, grazie alla sua azione antinfiammatoria, miglioramenti della pelle e rafforzamento del sistema immunitario.

Con questo termino la mia lettera, sebbene sia cosciente che il mio cammino per la guarigione sarà ancora lungo; vorrei ancora ringraziare lei e il suo staff per i benefici ottenuti, per i consigli e la disponibilità che mi avete dato.

Cordiali saluti N. P.