Le iniezioni di ozono sono efficaci per chi soffre di osteoartrite al ginocchio

Le iniezioni di ozono sono efficaci per chi soffre di osteoartrite al ginocchio

Iniettare gas ozono nel ginocchio riduce il dolore e migliora il funzionamento e la qualità della vita nelle persone con osteoartrite del ginocchio, secondo una ricerca presentata la settimana scorsa all’Incontro Annuale dell’American College of Rheumatology a San Francisco.
L’artrosi, a volte chiamata malattia degenerativa delle articolazioni, è una malattia a lenta progressione in cui la cartilagine articolare si rompe.
Di norma, la cartilagine alle estremità delle ossa permette movimenti articolari armoniosi e senza dolore. Nell’osteoartrite (OA) la cartilagine diventa sottile e irregolare, con relativi sintomi di dolore e rigidità.
Possono esserci sensazioni di stridore o di rotture. Le giunture che sono sotto stress elevato a causa di attività ripetute o del peso sopportato sono più sensibili alla OA. Sono colpiti di solito i fianchi, le ginocchia, le mani e la colonna vertebrale. La OA diventa più comune con l’invecchiamento ed è spesso causa di dolore, disabilità, riduzione della qualità della vita e con significativi oneri sociali ed economici.
Perciò dei ricercatori brasiliani hanno di recente esaminato una terapia alternativa che inietta gas ozono nel ginocchio (un gas presente in natura, formato da tre atomi di ossigeno e che si dimostra promettente per ridurre l’infiammazione e bilanciare i radicali liberi nel corpo), per determinare se può ridurre il dolore e migliorare il funzionamento e la qualità della vita di questi pazienti.
I ricercatori, guidati da Carlos César Lopes de Jesus e Virginia Fernandes Moça Trevisani PhD, hanno seguiti 98 persone nel corso dello studio: 63 di essi hanno ricevuto iniezioni da 10ml di ozono durante lo studio, e 35 hanno ricevuto iniezioni di 10ml di aria come placebo. Tutti i partecipanti provenivano da ambienti socio-economici simili, e solo due partecipanti (entrambi nel gruppo ozono) non hanno terminato lo studio.
I ricercatori hanno effettuato diverse valutazioni dei partecipanti all’inizio dello studio, dopo la quarta e l’ottava iniezione e 8 settimane dopo l’ultima iniezione. Hanno esaminato i cambiamenti nel dolore, nella funzionalità, nella capacità di sedersi, di stare in piedi e di camminare, così come altri indicatori di qualità della vita.
Sono stati eseguiti test «Timed up and go» (TUG test) per valutare il tempo impiegato da un partecipante a stare in piedi, camminare per una determinata distanza, tornare e sedersi, e non c’erano differenze significative nel modo in cui i due gruppi hanno eseguito questi test. Il gruppo sull’ozonoterapia, tuttavia, ha avuto risultati significativamente migliori nei test che misuravano il dolore, la funzione e la salute generale, che hanno mostrato significativi miglioramenti nel gruppo di ozono durante tutto il corso dello studio.
Infine, una valutazione della qualità della vita (ottenuta con l’Health Survey Short Form-36) ha evidenziato che i partecipanti al gruppo di ozono hanno riportato un miglioramento in tutti i settori che riguardano la qualità della vita dopo la quarta iniezione.
“Riteniamo che questo lavoro confermi che l’ozono può dare al paziente una migliore qualità di vita con meno dolore e più indipendenza nelle attività della vita quotidiana”, spiega de Jesus e il dottor Trevisani, rispettivamente dottorando e professore alla Università Federale di São Paulo in Brasile. “L’ozono è anche in grado di ritardare la necessità di un intervento di sostituzione articolare. E’ uno strumento con il quale il medico per ridurre il dolore o aiutare a controllarlo”.
I ricercatori ritengono che sono necessari ulteriori studi per confermare i risultati e dimostrare che l’ozono può essere un’opzione alternativa di trattamento per i pazienti che soffrono di artrosi. Il passo successivo è avviare uno studio simile per valutare i pazienti con una TAC o l’ecografia.

 

 

 


Fonte: American College of Rheumatology via Newswise (> English text)Traduzione di F. P..

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell’articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna lo Studio Dott. Flavio Torresin. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell’articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei a questo sito e allo Studio Dott. Flavio Torresin, il loro accesso e uso è a discrezione dell’utente.

Nota: L’articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *